Come Pulire i Vetri

Pulire i vetri in casa può essere davvero faticoso. Sapete che pulendo le finestre per mezz’ora si bruciano circa 110 calorie? È un’operazione noiosa ma necessaria perché vetri sporchi possono far sembrare trascurata anche la casa più pulita. Vi si annida ogni tipo di sporcizia, dalla polvere all’acqua piovana fino alle impronte e agli aloni.

COME PULIRE I VETRI DI CASA: COSA SERVE
Dopo aver pulito per bene la propria casa possiamo dedicarci ai vetri. Prima di tutto però bisogna prepariamo l’occorrente
-spugne e panni morbidi per spolverare e lavare
-panni in microfibra e carta di giornale per asciugare
-guanti per proteggere la pelle delle mani
-spazzola a setole morbide per vetri smerigliati.
-vecchi stracci per evitare che l’acqua e i prodotti cadano sul pavimento e, soprattutto, per evitare di scivolare
-scala per raggiungere i punti più in alto o aste telescopiche nel caso di superfici vetrate molto grandi
detergente per vetri
PULIRE I VETRI DI CASA: I NOSTRI CONSIGLI
Per quanto riguarda il detergente, possiamo usare uno dei tanti prodotti spray in commercio o acqua tiepida con mezzo misurino di ammoniaca per i vetri interni.
Per la parte esterna delle finestre, solitamente più sporca, è necessario utilizzare acqua con qualche goccia di sapone per piatti. Ricordatevi di preparare due bacinelle: una con acqua saponata per lavare e una con acqua pulita per risciacquare.
Puoi approfittare della pulizia dei vetri per lavare le tende che dovranno comunque essere spostate.
Per pulire i vetri delle finestre è importante rimuovere polvere e tracce di sporcizia dai vetri stessi e dagli infissi ma anche da davanzali, zanzariere o tapparelle, per evitare che una volta pulito, il vetro venga sporcato di nuovo.

Inizia a pulire i vetri dalla parte interna: distribuisci il detergente sul vetro dall’alto verso il basso, con piccoli movimenti circolari.
Per rimuovere il prodotto e asciugare la superficie l’opzione consigliata è quella della carta dei giornali, che garantisce una pulizia perfetta senza aloni: prendi dei fogli di giornale accartocciati e strofina energicamente il vetro in modo da eliminare anche le eventuali tracce di grasso.

COME EVITARE GLI ALONI: CONSIGLI
Ecco i nostri consigli per evitare gli aloni e avere vetri puliti:
-non lavare mai i vetri quando su questi batte il sole e ovviamente nemmeno quando piove, ma scegliere una giornata in cui sia temperatura che luce siano moderate per assicurare una buona visibilità e allo stesso tempo un’asciugatura senza aloni
-usare acqua distillata (potete usare quella prodotta dal condizionatore d’aria o dal deumidificatore) perché quella del rubinetto contiene calcare che non facilita la pulizia dei vetri
-pulire l’interno delle finestre con movimenti orizzontali e l’esterno in verticale aiuta a individuare meglio gli aloni

Per concludere, è importante sapere che per le grandi vetrate è possibile utilizzare i robot lavavetro, dispositivi che funzionano in modo automatico. Per dettagli sul funzionamento dei robot lavavetro è possibile fare riferimento al sito Robotlavetri.com.

COME PULIRE VETRI DELL’AUTO
Anche pulire i vetri sporchi e opacizzati dell’auto rientra nell’elenco delle mansioni più noiose ma comunque inevitabili. Non solo per una questione estetica, ma soprattutto per un fatto di visibilità, e quindi di sicurezza.
La procedura consigliata da Agema Servizi per capire come pulire vetri della macchina senza lasciare tracce segue quella dei vetri di casa
-panni morbidi e fogli di giornale per lavare e asciugare
-acqua, detergente specifico per auto o alcol per pulire i vetri interni dell’auto (sconsigliata l’ammoniaca in uno spazio ristretto come l’abitacolo)
-acqua saponata (poche gocce di sapone per piatti senza eccedere) per la pulizia dei parabrezza e dei vetri esterni

Iniziate a pulire dall’interno i vetri e i parabrezza. Per quello anteriore la pulizia risulterà più facile se si sta seduti sul lato passeggero in quanto non c’è l’ingombro del volante.
Applicate il detergente scelto o l’alcol direttamente sul panno, mai direttamente sul vetro per non contaminare la tappezzeria e il cruscotto.
Ricordatevi di abbassare leggermente i finestrini per pulire la parte superiore del vetro.
Asciugare con i fogli di giornale e passate a pulire gli esterni.
Anche per pulire i vetri dell’auto in modo impeccabile vale la regola “mai al sole”.

COME PULIRE IL VETRO DEL FORNO
Pulire regolarmente il vetro del forno evita che il grasso e lo sporco s’incrostino. Uno sportello sporco e unto può fare sembrare un elettrodomestico appena acquistato come uno vecchio da sostituire.
Seguite questi nostri consigli ma, prima di tutto, pulite internamente il forno.
Procediamo ora al vetro smontando per prima cosa lo sportello.
Questa opzione è ormai consentita nella maggior parte dei casi proprio per agevolare la pulizia del vetro e dell’interno del forno. In alcuni modelli con doppio vetro, si ha anche la possibilità di pulire l’intercapedine che si trova tra la lastra interna e quella esterna.
Seguendo le istruzioni, smontate lo sportello con attenzione ed eventualmente rimuovete con delicatezza la lastra di vetro.
-appoggiatelo su uno strofinaccio per per una maggiore stabilità
-passate un panno imbevuto di acqua calda per togliere i residui di sporco più leggeri
-fate un composto molto denso di bicarbonato e detersivo per i piatti e ricoprite tutta la superficie del vetro; insistete particolarmente sulle zone dove lo sporco è più incrostato
-lasciate agire per almeno mezz’ora e poi rimuovete la pastella con un panno inumidito in acqua calda facendo attenzione a non lasciare residui
-asciugate e riposizionate al loro posto vetro e sportello

Molto semplice.