Come Cucire Bottoni a Pressione

Gi automatici vengono chiamati anche bottoni a pressione. Non vanno confusi con quelli che trovi sui tessuti jeans, detti pure automatici a pressione, ma che vengono applicati con un particolare aggeggio, in dotazione nelle mercerie. Nella guida ci riferiamo agli automatici, recanti quattro fori laterali.

Prima di cucirli devi sempre rinforzare le parti di tessuto che devono “ospitarli”. In che modo? Se il tessuto, dove devi applicarli, è leggero, tipo seta o simile, devi mettere un rinforzo della stessa stoffa o anche del nastro, se è un tessuto pesante, è sufficiente mettere una striscia di fodera dello stesso colore.

Devi situare l’automatico maschio, riconoscibile perchè reca al centro una specie di perno, nella parte inferiore, mentre l’automatico “femmina”, con una foratura centrale, va cucito nella parte superiore. Per segnare i punti di attacco, a distanza regolare, devi usare il metro. Stabilisci a quanti cm l’uno dall’altro vuoi che siano messi.

Rileva la posizione, mettendo uno spillino nel punto esatto. Incrocia ora un altro spillo su questo e forma una croce. Il centro di essa sarà il punto preciso dove attaccare l’automatico. Prendi l’automatico maschio e infila l’ago nei quattro fori laterali presenti, e passaci più volte col filo di cotone.

In questo modo eviterai che, a lungo andare, sottoposto a continui tiraggi, l’automatico possa andare soggetto a distacchi dal tessuto. Una raccomandazione: fa attenzione che i punti non siano visibili sul dritto. Una volta che hai attaccato il “maschio”, devi cucire il sottostante automatico femmina.

Come prendere il punto esatto in corrispondenza dello stesso? E’ molto facile. Devi semplicemente sporcare di gesso (quello per sarti, o anche altro) il perno del maschio e premere sul tessuto sottostante. Vedrai che ti uscirà un segno abbastanza evidente, valido come punto di attacco della “femmina”.

Per quanto riguarda il modo di cucire di quest’altro automatico, la procedura è identica a quella già esplicitata in precedenza, con la raccomandazione, ancora una volta, di coprire i quattro fori completamente con punti di filo di cotone. Questo vuol dire che devi ripassare più volte con ago e filo, in entrata e in uscita, nel tessuto e nello stesso automatico.

Come Decorare un Portaombrelli

Quello che intendo proporre in questa guida è un decoupage da farsi su un oggetto in metallo di colore ramato. Ti mostrerò, anche attraverso illustrazioni, come dare un nuovo look ad un portaombrello un po’ malandato e dalla forma alquanto insolita e cioè ad anfora, trasformandolo in un elemento d’arredo molto decorativo. La carta scelta è quella da regali, dai colori molto vivaci e questo allo scopo di creare un tocco di allegria all’ambiente in cui sarà posizionato. Una volta “rifatto” potresti anche cambiargli la destinazione d’uso e farne un bellissimo portavasi.

Occorrente
Alcool o carta vetrata, panno, foglio per cartamodelli, colla, pennello a punta piatta, spray di rifinitura, forbici, bacinella, soggetto da incollare.

Per iniziare attivati per scegliere la “veste” da dare al tuo portaombrelli. Puoi optare per un tipo di carta per decoupage, spessa o sottile, o per la carta da regalo, oppure puoi ritagliare delle immagini dalle riviste in tuo possesso, o ancora puoi fare uso di disegni autoadesivi che sono in commercio. Io ho scelto di “vestire” il mio portaombrelli con una carta regalo di tipo leggero, per i motivi che capirai in seguito.

Una volta operata la scelta del soggetto, prepara sul piano di lavoro dell’alcol o della carta vetrata, un panno, la colla tipo vinavil, un foglio per cartamodelli, una matita, un pennello per stendere la colla a punta piatta (possibilmente di buona qualità), vernice protettiva, forbici, una bacinella e il tipo di rivestimento o di soggetto scelto. Inizia prendendo il contenitore dell’alcool e imbevendo con esso il panno. Passalo poi sul portaombrelli per dargli una sgrassatura.

Puoi fare uso anche di carta vetrata a grana però molto sottile per evitare di danneggiare il metallo con dei graffi o delle striature. Una volta che avrai terminato l’intervento di sgrassatura, prendi il foglio per cartamodelli e operando per strati, che sono in numero di tre, rileva il disegno del corpo dell’anfora. Poni successivamente questi, uno alla volta, sulla carta scelta e ritagliane la diversa forma e grandezza.

Appronta una bacinella e riempila con l’acqua. Metti in essa in ammollo, per renderli più porosi, i tre pezzi di carta, ritagliati a misura seguendo i cartamodelli. Dopo un po’ di tempo prelevali e strizzali a dovere. Ti sarà senza dubbio più facile strizzarli, se avrai scelto una carta “soft”, non molto spessa e ancora più facile ti risulterà anche staccarla dal supporto, nel caso che non sia stata posizionata a dovere.

Una volta strizzati i vari pezzi, mettili ad asciugare tra tovagliolini di carta. Nel frattempo sciogli in una ciotola, o in un piatto di plastica, all’incirca cinque parti di colla vinavil e una parte di acqua. Cospargi di colla il primo pezzo (quello superiore), procedendo dal retro e applicalo sulla base supporto dell’anfora portaombrelli, avendo cura di premere delicatamente con le dita dal centro verso l’esterno.

Se dovessero crearsi delle bolle, pungile con uno spillino in modo da permettere all’aria di fuoriuscire e alla carta di aderire bene alla superficie. Procedi allo stesso modo per applicare anche il secondo e il terzo pezzo di carta. Spennella poi i tre pezzi già posizionati con colla velo e con il pennello piatto. Esegui le pennellate, partendo dal centro verso i bordi. Attendi che il tutto possa asciugarsi completamente e poi, come rifinitura, applica una mano di vernice protettiva, lucida o opaca.

Come Imbottire una Sedia

In questa guida vedremo sia come cucire le briglie di una sedia da soggiorno ma anche come imbottire una seduta con molle a spirale di una sedia da salotto. Non è un lavoro complicato da svolgere basta solamente seguire nei dettagli questa guida. A coloro che sono interessati chiedo di seguirmi.

Iniziamo il lavoro utilizzando un grosso ago circolare e dello spago di iuta, per cucire le briglie lasciandole lente in modo che possiate inserirvi della lana. Cominciamo con un nodo, cuciamo la prima briglia attorno al perimetro a circa 50mm dall’esterno e terminiamo la cucitura nel punto di inizio.

Cucire più briglie orizzontalmente tra quelle anteriori e quelle posteriori. Cucire le briglie anteriori e posteriori su quelle laterali e cucire le briglie centrali sotto quelle laterali. Per imbottire una seduta con molle a spirale Sciogliere con le mani eventuali grumi di una manciata di lana. Cominciando dalla parte anteriore della sedia, spingere la lana sotto il centro delle briglie e farla scorrere verso i bordi esterni.

A questo punto inserire dell’altra lana spingendola ai lati fino a quando ve ne sarà a sufficienza sotto la briglia. Spingere i due mucchietti di lana verso il centro per riempire il vuoto rimasto. Ripetere per il bordo posteriore della sedia, le due zone laterali e le briglie centrali. Appiattire la seduta con le mani. Porre la gommapiuma sulla lana, assicurarsi che la lana sia distribuita e che non sentiate le molle quando vi sedete. Tendere la gommapiuma e fissarla in posizione a circa 25 mm dal bordo superiore del supporto di legno, infine rifilarla vicino ai punti metallici con un cutter.

Come Decorare un Portaoggetti

Per decorare un comune portaoggetti di legno, realizzando dei decori particolari ed eleganti, in stile greco, occorre leggere con attenzione, le semplici e creative indicazioni tecniche qui elencate. Si tratta di realizzare un originale portaoggetti con decori particolari e colorati.

Occorrente
Portaoggetti di legno
Colori acrilici
Pennelli
Colla per legno
Carta con decori greci
Gesso acrilico
Forbici
Mordente
Vernice cristallizzante

Iniziate stendendo due mani di gesso acrilico, lungo la superficie del vostro portaoggetti di legno. Dopo di ciò, una volta ben asciutto, colorate col colore acrilico avorio o beige, le pareti esterne del vostro supporto, e fate asciugare. Nel frattempo, con un pennello piatto e largo, colorate il portaoggetti, con una miscela di mordente e acqua per legno.

A questo punto, create delle leggere e sottili velature, passando del colore acrilico bianco, con un pennello largo e lasciate asciugare. Intanto sulla parte superiore del contenitore, create una zona scura, dipingendo un quadrato col colore acrilico nero e facendo asciugare. Poi una volta asciutto, create decorative striature ad effetto marmo, con un colore più chiaro, un bianco o altro colore, con un pennellino fine.

Per finire, sulle zone laterali del vostro portaoggetti, e al centro della zona superiore colorata di nero, applicate con cura e gusto, dei decori di carta, raffiguranti soggetti dell’arte greca antica, con della colla per legno e fate asciugare. Infine, rifinite bene il tutto, con più mani di vernice finale cristallizzante.

Come Cucire Cerniera a Mano

In questa guida ti insegno a cucire a mano una cerniera. Capita spesso, che le cerniere dei vestiti che amiamo di più, si rompano e non sappiamo come ripararle. Ora te lo spiego, con poco tempo ed un pochino di pazienza imparerai a cambiare le cerniere ai tuoi abiti.

Occorrente
Cerniera nuova
Ago
Filo in tinta

La cerniera centrata cucita a mano è adatta a tessuti pesanti in cui una cintura risulterebbe troppo grossa ed ingombrante. E’ il modo più semplice di applicare una cerniera. Rivolta l’indumento a rovescio, stira la cucitura ed appiattiscila. Allinea la cerniera chiusa ed imbastiscila da una parte, tieni il tessuto esattamente al centro della lampo. Aprila ed imbastisci molto accuratamente anche l’altra parte.

Richiudi quindi la cerniera e controlla bene che sia allineata. Applica la cerniera nuova con un filo di un colore in tinta con essa. Parti dal lato destro, con dei punti piccolini indietro; salda con qualche punto la fine della cerniera e risali dall’altra parte. Stira infine il tuo capo accuratamente.

Riponila quindi su un stampella. Ricorda sempre che la lunghezza dell’apertura sulla quale devi applicare la cerniera deve essere maggiore di 2,5 centimetri.
In questo modo potrai cambiare le cerniere rotte a tutti i tuoi indumenti, risparmiando così del tempo e del denaro.