Come Dipingere con gli Acquerelli

Vi piace la pittura con gli acquerelli ma non siete mai riusciti a dipingere un disegno con questa tecnica? Finalmente seguendo passo passo questa guida riuscirete, molto facilmente, a dipingere un quadretto con gli acquerelli! Prendete foglio e matita che iniziamo dal disegno!

Il disegno base per gli acquerelli deve essere fatto con una matita dal tratto leggere, in quanto se fatto con una matita dal tratto pesante, una volta colorato, si vedrebbero tutti i segni di matita. Fatto ciò si inizia a dipingere con gli acquerelli. In principio diamo una prima stesura con tonalità chiare, facendo attenzione a non diluire troppo il colore con l’acqua.

Lasciamo asciugare la prima stesura. Ora, con la seconda, passiamo un pò di più nel dettaglio. Usiamo colori un pò più scuri dei precedenti in quei punti in cui bisogna dare un effetto di tridimensionalità, creando l’ombra degli oggetti. E’ consigliabile usare un pennello che non sia troppo doppio.

Lasciamo asciugare anche questa seconda stesura. Infine, nella terza, passiamo ai veri e proprio dettagli. Usiamo colori brillanti e accesi per definire le linee del disegno e i dettagli che fino ad adesso avevamo tralasciato. E’ consigliabile usare un pennello che abbia una punta fine per non sbavare. Lasciamo, quindi, asciugare anche questa terza stesura.

Come Cucire Bottoni a Pressione

Gi automatici vengono chiamati anche bottoni a pressione. Non vanno confusi con quelli che trovi sui tessuti jeans, detti pure automatici a pressione, ma che vengono applicati con un particolare aggeggio, in dotazione nelle mercerie. Nella guida ci riferiamo agli automatici, recanti quattro fori laterali.

Prima di cucirli devi sempre rinforzare le parti di tessuto che devono “ospitarli”. In che modo? Se il tessuto, dove devi applicarli, è leggero, tipo seta o simile, devi mettere un rinforzo della stessa stoffa o anche del nastro, se è un tessuto pesante, è sufficiente mettere una striscia di fodera dello stesso colore.

Devi situare l’automatico maschio, riconoscibile perchè reca al centro una specie di perno, nella parte inferiore, mentre l’automatico “femmina”, con una foratura centrale, va cucito nella parte superiore. Per segnare i punti di attacco, a distanza regolare, devi usare il metro. Stabilisci a quanti cm l’uno dall’altro vuoi che siano messi.

Rileva la posizione, mettendo uno spillino nel punto esatto. Incrocia ora un altro spillo su questo e forma una croce. Il centro di essa sarà il punto preciso dove attaccare l’automatico. Prendi l’automatico maschio e infila l’ago nei quattro fori laterali presenti, e passaci più volte col filo di cotone.

In questo modo eviterai che, a lungo andare, sottoposto a continui tiraggi, l’automatico possa andare soggetto a distacchi dal tessuto. Una raccomandazione: fa attenzione che i punti non siano visibili sul dritto. Una volta che hai attaccato il “maschio”, devi cucire il sottostante automatico femmina.

Come prendere il punto esatto in corrispondenza dello stesso? E’ molto facile. Devi semplicemente sporcare di gesso (quello per sarti, o anche altro) il perno del maschio e premere sul tessuto sottostante. Vedrai che ti uscirà un segno abbastanza evidente, valido come punto di attacco della “femmina”.

Per quanto riguarda il modo di cucire di quest’altro automatico, la procedura è identica a quella già esplicitata in precedenza, con la raccomandazione, ancora una volta, di coprire i quattro fori completamente con punti di filo di cotone. Questo vuol dire che devi ripassare più volte con ago e filo, in entrata e in uscita, nel tessuto e nello stesso automatico.

Recensione Withings Smart Body Analyzer

La bilancia pesapersone Smart Body Analyzer di Withings è un elettrodomestico in grado di misurare in modo veloce e preciso: peso, massa grassa e magra, battito cardiaco, temperatura corporea e livelli di CO2 ambientale. Attraverso il sistema wireless e l’App Health Mate, scaricabile sul proprio smartphone android o iOS, è possibile ricevere e monitorare tutte le misurazioni eseguite nel tempo. Leggi la recensione per conoscerne caratteristiche, prezzo, offerte e opinioni dei consumatori.

L’azienda produttrice è stata una delle prima a credere nelle potenzialità dei dispositivi wireless applicati al benessere e alla salute della persona. Dopo la prima bilancia wireless, l’azienda ha sviluppato un’ampia gamma di prodotti elettronici volti a monitorare i vari parametri vitali come pressione sanguigna, sonno e molto altro.

Caratteristiche e prezzo
Proprio per tenere sotto controllo i vari aspetti della propria condizione fisica è stata concepita Smart Body Analyzer. Di fatto è un vero e proprio dispositivo multitask. Naturalmente la prima cosa che questa bilancia misura è il peso corporeo e grazie ad un impedenziometro è in grado di indicare anche la massa grassa della persona e l’indice di massa corporea. Si tratta infatti della caratteristica principale di una bilancia impedenziometrica.

Inoltre è possibile misurare il battito cardiaco, la temperatura corporea e persino il livello di CO2 presente nella camera in cui è collocata la bilancia. Quest’ultima andrebbe infatti posta in camera da letto poiché è consigliabile pesarsi appena svegli e alla stessa ora.

Un dispositivo di cui è fornito il prodotto è anche la Gravity Compensation che rileva le variazioni del campo gravitazionale per dare un peso più preciso.

Molto utile è poi il Position Control, cioè la funzione che indica la posizione più giusta da assumere mentre si è sulla bilancia. Grazie all’apposito display LCD potremo visualizzare tutte le informazioni ogni volta che saliamo sulla pesapersone.

Come tutti i dispositivi wireless anche questo però andrà configurato la prima volta ed è possibile farlo con lo smartphone tramite connessione Bluetooth o rete WiFi. Una volta configurata la bilancia i dati vengono raccolti tramite l’applicazione dedicat, grazie alla quale sarà possibile controllare i dati biometrici raccolti di volta in volta.

La Smart Body Analyzer è disponibile nei colori blu e bianco e si distingue per un design elegante e moderno grazie alle cromature in acciaio e vetro. Il prezzo di listino è di 210 euro.

Uno strumento di questo tipo e soprattutto così altamente tecnologico è utile per chi sta seguendo una dieta ferrea o semplicemente per chi ha bisogno di tenere sotto controllo la propria condizione fisica ed i parametri.

L’applicazione permette di avere sempre a disposizione tutti i dati delle varie pesate con delle particolari tabelle e grafici di misurazione che mostrano in modo chiaro l’andamento e le variazioni di peso.

Tramite il tasto assistenza è possibile accedere alle FAQ per quanto riguarda ogni singolo parametro misurabile con questa pesapersone intelligente. Questa bilancia è quindi indicata soprattutto per chi ha bisogno di essere seguito ed accompagnato nel suo percorso verso il proprio peso ideale.

Un aspetto molto interessante è anche quello motivazionale, in quanto Health Mate è dotato di un sistema che sollecita a mantenersi in forma ed è presente un apposito indicatore capace di incrociare ed analizzare quattro fattori come sonno, cuore, peso e moto.

In sostanza questo elettrodomestico per il benessere si rivela funzionale, soprattutto per chi ha necessità di perdere parecchi chili ed ha bisogno di svolgere attività fisica giornalmente con uno stimolo discreto ma continuativo nel tempo.

Opinioni dei consumatori
Per quel che riguarda le opinioni dei consumatori che hanno avuto modo di utilizzarla, in gran parte sono soddisfatti dell’acquisto effettuato. La maggioranza trova molto comoda la funzione di riconoscimento che permette di misurare e monitorare fino ad otto utenti per volta.

È quindi indicata per tutta la famiglia proprio perché riconosce ogni persona che sale sulla bilancia e permette di accedere in pochi secondi ai dati dell’utente interessato. Una nota a favore è anche l’aspetto estetico del dispositivo che per molte persone è davvero accattivante tanto da farne anche un elemento di arredo. Di ottima qualità sembrano i materiali di costruzione della bilancia poiché il vetro che riveste la superficie resiste bene agli urti e ai graffi.

Per quanto riguarda la configurazione con il WiFi, la maggior parte dei clienti non hanno avuto problemi nell’interfacciare il prodotto con lo smartphone, sia con Android che con iOS.

Inoltre gli ultimi aggiornamenti dell’App Health Mate hanno aggiunto nuove funzioni come le previsioni meteo sulla pioggia. Tra i pochi aspetti negativi o comunque meno brillanti abbiamo la portata del WiFi che per alcuni acquirenti non è molto elevata. Per questo motivo qualcuno è costretto ad utilizzare la bilancia vicino o in prossimità del punto di accesso al WiFi.

Altro elemento da non trascurare secondo varie persone sono le istruzioni contenute nell’imballaggio in quanto si sono rivelate scarne e non abbastanza approfondite (vi consigliamo di scaricare il manuale istruzioni).

Questo ovviamente è un problema soprattutto per coloro che sono meno abituati ad utilizzare sistemi wireless e di conseguenza configurare la pesapersone diventa molto più impegnativo e dispendioso in termini di tempo.

Infine diversi consumatori hanno evidenziato che il dato relativo al battito cardiaco è alcune volte inaffidabile o comunque approssimativo mentre l’indicatore della quantità di CO2 nell’aria è per molti altri inutile o superfluo.

Come Decorare un Portaombrelli

Quello che intendo proporre in questa guida è un decoupage da farsi su un oggetto in metallo di colore ramato. Ti mostrerò, anche attraverso illustrazioni, come dare un nuovo look ad un portaombrello un po’ malandato e dalla forma alquanto insolita e cioè ad anfora, trasformandolo in un elemento d’arredo molto decorativo. La carta scelta è quella da regali, dai colori molto vivaci e questo allo scopo di creare un tocco di allegria all’ambiente in cui sarà posizionato. Una volta “rifatto” potresti anche cambiargli la destinazione d’uso e farne un bellissimo portavasi.

Occorrente
Alcool o carta vetrata, panno, foglio per cartamodelli, colla, pennello a punta piatta, spray di rifinitura, forbici, bacinella, soggetto da incollare.

Per iniziare attivati per scegliere la “veste” da dare al tuo portaombrelli. Puoi optare per un tipo di carta per decoupage, spessa o sottile, o per la carta da regalo, oppure puoi ritagliare delle immagini dalle riviste in tuo possesso, o ancora puoi fare uso di disegni autoadesivi che sono in commercio. Io ho scelto di “vestire” il mio portaombrelli con una carta regalo di tipo leggero, per i motivi che capirai in seguito.

Una volta operata la scelta del soggetto, prepara sul piano di lavoro dell’alcol o della carta vetrata, un panno, la colla tipo vinavil, un foglio per cartamodelli, una matita, un pennello per stendere la colla a punta piatta (possibilmente di buona qualità), vernice protettiva, forbici, una bacinella e il tipo di rivestimento o di soggetto scelto. Inizia prendendo il contenitore dell’alcool e imbevendo con esso il panno. Passalo poi sul portaombrelli per dargli una sgrassatura.

Puoi fare uso anche di carta vetrata a grana però molto sottile per evitare di danneggiare il metallo con dei graffi o delle striature. Una volta che avrai terminato l’intervento di sgrassatura, prendi il foglio per cartamodelli e operando per strati, che sono in numero di tre, rileva il disegno del corpo dell’anfora. Poni successivamente questi, uno alla volta, sulla carta scelta e ritagliane la diversa forma e grandezza.

Appronta una bacinella e riempila con l’acqua. Metti in essa in ammollo, per renderli più porosi, i tre pezzi di carta, ritagliati a misura seguendo i cartamodelli. Dopo un po’ di tempo prelevali e strizzali a dovere. Ti sarà senza dubbio più facile strizzarli, se avrai scelto una carta “soft”, non molto spessa e ancora più facile ti risulterà anche staccarla dal supporto, nel caso che non sia stata posizionata a dovere.

Una volta strizzati i vari pezzi, mettili ad asciugare tra tovagliolini di carta. Nel frattempo sciogli in una ciotola, o in un piatto di plastica, all’incirca cinque parti di colla vinavil e una parte di acqua. Cospargi di colla il primo pezzo (quello superiore), procedendo dal retro e applicalo sulla base supporto dell’anfora portaombrelli, avendo cura di premere delicatamente con le dita dal centro verso l’esterno.

Se dovessero crearsi delle bolle, pungile con uno spillino in modo da permettere all’aria di fuoriuscire e alla carta di aderire bene alla superficie. Procedi allo stesso modo per applicare anche il secondo e il terzo pezzo di carta. Spennella poi i tre pezzi già posizionati con colla velo e con il pennello piatto. Esegui le pennellate, partendo dal centro verso i bordi. Attendi che il tutto possa asciugarsi completamente e poi, come rifinitura, applica una mano di vernice protettiva, lucida o opaca.

Come Imbottire una Sedia

In questa guida vedremo sia come cucire le briglie di una sedia da soggiorno ma anche come imbottire una seduta con molle a spirale di una sedia da salotto. Non è un lavoro complicato da svolgere basta solamente seguire nei dettagli questa guida. A coloro che sono interessati chiedo di seguirmi.

Iniziamo il lavoro utilizzando un grosso ago circolare e dello spago di iuta, per cucire le briglie lasciandole lente in modo che possiate inserirvi della lana. Cominciamo con un nodo, cuciamo la prima briglia attorno al perimetro a circa 50mm dall’esterno e terminiamo la cucitura nel punto di inizio.

Cucire più briglie orizzontalmente tra quelle anteriori e quelle posteriori. Cucire le briglie anteriori e posteriori su quelle laterali e cucire le briglie centrali sotto quelle laterali. Per imbottire una seduta con molle a spirale Sciogliere con le mani eventuali grumi di una manciata di lana. Cominciando dalla parte anteriore della sedia, spingere la lana sotto il centro delle briglie e farla scorrere verso i bordi esterni.

A questo punto inserire dell’altra lana spingendola ai lati fino a quando ve ne sarà a sufficienza sotto la briglia. Spingere i due mucchietti di lana verso il centro per riempire il vuoto rimasto. Ripetere per il bordo posteriore della sedia, le due zone laterali e le briglie centrali. Appiattire la seduta con le mani. Porre la gommapiuma sulla lana, assicurarsi che la lana sia distribuita e che non sentiate le molle quando vi sedete. Tendere la gommapiuma e fissarla in posizione a circa 25 mm dal bordo superiore del supporto di legno, infine rifilarla vicino ai punti metallici con un cutter.