Come Fare un Mazzo di Ortensie Origami

L’arte dell’origami è antichissima e permette di ottenere risultati veramente belli e delicati. In questa guida vi spiego come realizzare un mazzetto di ortensie con questo metodo. Potete usarle come elemento decorativo in ogni ambiente. Procedere è abbastanza semplice, ma dovrete avere parecchia pazienza.

Occorrente
Carta da origami e velina
Nastro verde da fiorai
Spilli con capocchia a palla
Sfere in polistirolo
Bastoncini di legno

Per prima cosa, stendi la carta origami violetta o rosa sul tavolo, fissandola ai quattro lati con del nastro adesivo e tirandola bene, in modo che non formi antiestetiche pieghe. Partendo dall’alto, con una riga e una matita disegna un reticolo che abbia ogni quadretto di 4 cm di lato. Questi saranno i petali delle ortensie. Tagliali tutti e comincia a fissare ognuno di essi su una metà della sfera di polistirolo, infilandoli con uno spillo.

Gli spilli dovrebbero avere la capocchia gialla, così da dare l’ illusione che sia il cento del fiore. Riempi bene tutta la superficie della mezza sfera di polistirolo. Per dare un effetto di pienezza, sovrapponi qualche fiore a un altro vicino. Seguendo lo stesso procedimento, realizza altre cinque sfere. A questo punto infila in ognuna di esse un bastoncino di legno, che andrai a fissare a sua volta in un’ unica sfera di polistirolo.

Rendi più solida la struttura di base rivestendo la pallina di polistirolo con del filo di ferro verde. Ora devi preparare lo stelo della pianta di ortensie. Procurati un bastoncino di legno, meglio se naturale, adatto alle dimensioni dei fiori realizzati. Rivestilo completamente usando un nastro verde e della colla vinilica. Inseriscilo nella pallina centrale e rifinisci il punto di innesto con dell’ altro filo di ferro.

Come Fare Carne alla Pizzaiola

Questo modo di preparare la carne è molto conosciuto oltre che molto apprezzato. Il condimento principale è il pomodoro e personalmente adoro questa ricetta, infatti la realizzo spesso. Il tempo di cottura è di circa 45 minuti e le dosi vanno bene per 4 persone.

Occorrente
500 g di magatello di manzo tagliato a fette
400 g di pomodori pelati
2 spicchi d’aglio
1 cucchiaino di prezzemolo tritato
1 cucchiaino d’origano
Una manciata di parmigiano grattugiato
4 cucchiai d’olio d’oliva
Sale
Pepe

Private le fettine di magatello delle eventuali parti grasse e appiattitele leggermente con il batticarne. Passate al setaccio i pomodori pelati, raccogliendo ciò che ricavate in una terrina: unite il prezzemolo tritato, l’origano, gli spicchi d’aglio tritati finemente, l’olio d’oliva, il sale e il pepe e mescolate bene questi ingredienti, in modo da ottenere una salsetta omogenea.

Prendete ora una casseruola e versate sul fondo qualche cucchiaiata della salsetta preparata; adagiate sopra tante fettine di magatello quante ce ne stanno senza sovrapporle, formando uno strato compatto; condite la carne con un paio di mestolini di salsa, cospargete con un poco di parmigiano grattugiato, e continuate così a formare i vari strati fino ad esaurire gli ingredienti.

Coprite la casseruola con un coperchio, trasferitela sul fuoco e fate cuocere per 45 minuti circa a calore moderato, smuovendo di tanto in tanto le fettine di carne e aggiungendo, se fosse necessario, qualche cucchiaio d’acqua calda. Se al termine, invece, il fondo di cottura dovesse essere troppo liquido, fatelo addensare per qualche minuto sempre a calore moderato ma a recipiente scoperto.

Come Pulire i Sedili dell’Auto

Le macchine rispecchiano molto spesso il carattere e le attitudini di chi le possiede. Cosa potrebbe mai trasmettere una automobile sporca, impolverata e puzzolente, con gli interni rovinati e sporchi?

Non da certo una bella impressione un’automobile che viaggia per strada sporca, esteriormente, nella carrozzeria, ma ancora peggio negli interni e nei sedili, dove i passeggeri sono obbligati a sedersi.

I sedili sono sicuramente la parte dell’automobile che più di tutte dev’essere curata e tenuta pulita, perchè sono la parte dell”auto che sta più di tutte a contatto con le persone che vengono trasportate.

Una corretta pulita e igienizzandone dei tessuti dei sedili, ma anche delle pelli e delle plastiche, è fondamentale per dare anche di se stessi un”immagine di persone serie e coscienziose, che ci tengono alla pulizia.

Questo aspetto è di fondamentale importanza quando la macchina viene utilizzata per lavoro: presentarsi al lavoro con un”automobile sudicia, con sedili smunti e rovinati, magari anche puzzolenti e macchiati.

Ci sono molte persone che hanno il brutto vizio di fumare all’interno della propria autovettura, rendendo non solo l”aria irrespirabile, ma impregnando anche le sedute con l”odore acre del fumo, che poi è difficile da far andar via.

Quelle stesse persone hanno spesso l”abitudine di fumare nelle autovetture degli altri nel caso in cui viaggino come passeggeri, pensando che il solo fatto di aprire il finestrino possa bastare per l”odore.

Senza tener conto che il fumo è volatile per definizione, ma contiene al suo interno microparticelle solide, come catrame e nicotina, che si vanno a depositare sul sedile, inserendosi tra le trame dei tessuti.

Una volta che le particelle di fumo si sono depositate tra le trame, essendo la macchina per definizione uno spazio quasi perennemente chiuso, con poco ricircolo dell”aria, creano un tanfo insopportabile.

Ma non sono solo i fumatori incalliti a provocare danni ai sedili con le loro sigarette: ci sono anche quelle persone che non possono fare a meno di bere o di mangiare quando sono in macchina, ungendo e sporcando tutto quanto li circondi.

Il mangiare in macchina è infatti una delle abitudini più diffuse da parte delle persone: ci sono molti genitori che, pur di non far strillare i propri figli quando sono in auto, gli concedono di mangiare qualunque cosa.

La conseguenza inevitabile è che la macchina e i sedili si riempiono non solo di briciole, che sono forse il male minore, ma di qualsiasi tipo di olio alimentare proveniente dai cibi sgranocchiati da adulti e piccini.

E la situazione si complica quando si parla di bevande: bere in macchina è come eseguire un complicato esercizio acrobatico, in quanto bisogna essere in grado di mantenere l”equilibri per non far sbrodolare i liquidi ovunque.

Siccome non tutti sono in grado di eseguire simili esercizi, e non sempre è possibile eseguirli senza fare danni, ecco che i sedili delle automobili si riempiono di macchie di qualsiasi tipo di bevanda colorata.

Come porre rimedio a simili scempi? Effettivamente non per tutto c’è una soluzione, nel senso che non tutte le macchie possono essere rimosse, la maggior parte richiedono parecchi sforzi per essere asportate, a tutto danno dei sedili.
Iniziamo con gli odori: per eliminare i cattivi odori dalle autovetture, nei casi più estremi, è consigliato lasciare l’automobile aperta, dove sia possibile, almeno per 24ore, in modo tale che venga arieggiata.
Il ricircolo dell’aria può portare parecchi benefici, anche se da solo raramente è efficace per eliminare definitivamente l”odore dai sedili, specialmente quelli di tessuto o di camoscio, che assorbo tutto.

La situazione si complica quando la causa dell”odore sgradevole viene reiterata più e più volte nel tempo, con conseguente accumulo di odori che alla lunga permangono senza poter essere eliminato definitivamente,
Una soluzione complementare al ricircolo dell’aria può essere trovata negli spray cattura odore che si trovano in commercio in qualsiasi centro commerciale oppure nei negozi specializzati nella cura dell’auto.
Questi spray possono consistere sia in dei profumi da nebulizzare sul tessuto, sia in schiume lavabili a secco, che con la loro azione sono in grado di attrarre i cattivi odori catturandoli e rimuovendoli.
Gli spray schiumosi funzionano secondo lo stesso principio dei lavaggi a secco: non necessitano di essere lavati via con l’acqua, ma basta passarci sopra un panno umido o lievemente bagnato per toglierli.

I lavaggi a secco sono l’ideale per pulire i tessuti dei sedili, provando a smacchiarli: perchè lavare un sedile ad acqua può essere complicato e non sempre possibile, a causa della costruzione del sedile.
Per prima cosa, però, bisogna eliminare i residui di cibo, cosa possibile utilizzando un aspirabriciole per auto.
Quando possibile, per eliminare ogni macchia e lavare a fondo il sedile, è consigliabile levare la fodera di tutti i sedili emetterla in lavatrice: mai utilizzare panni molto bagnati sui sedili per pulirli.
Utilizzare un panno bagnato sul sedile montato, rischia di causare più danni di quelli che si sta provando a risolvere: perchè il sedile è imbottito di gommapiuma e se si bagna si rischia che rimanga bagnato, causando una macchia di umido con conseguente sgradevole odore.

Diverso discorso va fatto per i sedili in pelle, che richiedono più cura nel mantenimento, ma che sono relativamente più facili da pulire, facendo sempre attenzione ad usare, però i prodotti adeguati e dedicati.
Per pulire i sedili in pelle è sufficiente utilizzare un panno imbevuto con il prodotto adeguato, e strofinarlo delicatamente sulla superficie in modo da eliminare eventuali macchie: c’è da dire che il sedile in pelle se non preso in tempo si rovina irrie
La regola che va comunque sempre seguita è quella di fare attenzione a come si utilizzano e a non sporcarli, per evitare poi di dover correre ai ripari, trovandosi davanti però macchie o problemi che non possono essere risolti.

Come Ripristinare il Cestino Windows

Se sei uno di quelli che scarica milioni di file nel computer, sicuramente saprai cosa significa avere il desktop intasato di icone di applicazioni, immagini, video e canzoni di cui non hai mai sentito parlare, eppure son lì sul tuo desktop da mesi e mesi. Forse è il caso di fare un po’ di pulizia tra le tue icone per organizzare meglio il tuo tempo, non credi?

Il problema è che dopo aver cancellato tutti i file di cui non hai bisogno ti sei accorto che hai fatto un piccolo errore. Sì, hai cancellato proprio l’unico programma che ti serviva. Ma come fare a recuperarlo se non hai più nemmeno l’icona del Cestino? Fidati, non c’è alcun problema dato che tutti i PC con Windows sono provvisti di questa opzione. Per cui, ecco come ripristinare il Cestino rapidamente!

La procedura che ti dà modo di far ciò è un tantino diversa a seconda del dispositivo che stai usando. Se sei dotato di un computer con Windows 7 o successivo premi con il tasto destro del mouse su un punto vuoto nel tuo desktop e scegli la voce Personalizza. A questo punto, premi su Cambia icone sul desktop che trovi posto in alto a sinistra sul tuo schermo.

Per applicare la guida su come ripristinare il Cestino dovrai semplicemente mettere il segno di spunta vicino alla voce Cestino e salvare le opzioni che hai appena modificato tramite Applica e poi su OK. Adesso torna normalmente sul tuo desktop e, in men che non si dica, la cara icona che avevi sperduto fino a qualche minuto fa è tornata a farti visita. E’ stato facile, non è vero?

Se hai un computer con il sistema Windows XP clicca con il tasto destro del mouse su un punto senza icone del desktop e seleziona la voce Proprietà. Nella finestra successiva apri la scheda Temi dal menù in alto e, tramite l’elenco presente sotto Tema, seleziona la voce Windows XP. Infine, clicca prima su Applica e poi su OK per salvare le modifiche.

Come Evitare di Piangere Quando si Sbucciano Cipolle

Quante volte ti è capitato di preparare un piatto di cui fanno parte anche le cipolle e nel sbucciarle inevitabilmente ti è venuto da piangere? Tutto questo è normale con le cipolle! Ma forse non sapevi che esistono alcuni rimedi per evitare che questo accada.

Fai in questo modo, prendi un sacchetto di plastica, di quelli trasparenti e taglialo all’estremità, una volta fatta questa operazione, infilaci dentro le mani, le cipolle e il coltello. Praticamente, dovrai tagliare la cipolla dentro il sacchetto e vedrai che sicuramente i tuoi occhi non lacrimeranno.

Un altro sistema è quello di bagnare il coltello, prima di iniziare a tagliare la cipolla, sotto l’acqua fredda. Oppure, taglia le cipolle direttamente sotto l’acqua corrente, in modo tale che l’acqua corrente, scorrendo porta via i vapori nocivi per i nostri occhi. Oppure, prima di sbucciare le cipolle mettile per qualche minuto nel freezer.

Un altro rimedio, anche se strano, consiste nell’avere il naso chiuso e respirare solo con la bocca mentre tagli le cipolle. Infine un ultimo rimedio molto efficace consiste nel mettere alcune gocce di aceto nel tagliere, dove andrai ad affettare le cipolle, e poi successivamente incominciarle ad affettare.