Come Utilizzare il Luppolo Come Prodotto di Bellezza

Per tutti il luppolo è quello con cui si fa la birra, ma in realtà ha ben altri impieghi e viene molto sfruttato sia in medicina che in cosmetica. L’infuso di luppolo è un ottimo sedativo e dopo i pasti previene l’acidità di stomaco. In cosmetica viene impiegato per combattere l’invecchiamento precoce della pelle.

Se vuoi ritrovare il benessere dopo una giornata faticosa, un bagno rilassante è quello che ti ci vuole. Recati dall’erborista e fatti dare mezzo etto di coni di luppolo (sono i fiori). Mettili in una pentola capiente con 4 o 5 litri di acqua fredda. Porta il tutto ad ebollizione e fai bollire per una decina di minuti, mescolando delicatamente.

Se hai mescolato delicatamente i fiori di luppolo, l’acqua dovrebbe essere diventata di un bel colore giallo paglierino (se non dovesse essere così, fai cuocere ancora per qualche minuto). Filtra l’acqua ottenuta e diluiscila nell’acqua della vasca da bagno. Immergiti completamente per circa 15/20 minuti.

Come la salvia, anche il luppolo contiene estrogeni vegetali, utili perché nelle donne prima o poi la carenza di questi ormoni si riflette sulla pelle. Metti 20 gr di fiori di luppolo in 200 cc di acqua bollente e lasciali in infusione finché l’acqua non sia completamente fredda. Filtra il tutto e mettilo in una bottiglietta. Si conserva in frigorifero, e la puoi applicare sulla tua pelle matura con l’aiuto di un batuffolo di cotone.

Come Utilizzare il Lino Come Prodotto di Bellezza

Il lino è una pianta molto usata per fabbricare tessuti, ma anche in cosmetica, soprattutto per la cura dei capelli. Pochi però sanno che il lino è molto usato anche nelle creme per il viso per combattere le rughe e la sua farina per fare delle maschere per il viso proprio per combattere questi inestetismi.

Se hai i capelli sottili sarà difficile per te tenerli in ordine, ma grazie ai semi di lino puoi domarli facilmente. Versa un cucchiaio di sei di lino in un pentolino con 200 cc di acqua fredda. Porta ad ebollizione e fai bollire i semi per cinque minuti. Spegni il fuoco e lascia raffreddare l’acqua. Filtra il liquido ottenuto tenendo la mucillagine e versane una piccola quantità sui tuoi capelli ancora umidi. Distribuisci la mucillagine con un pettine a denti larghi. Asciuga normalmente e mettili in piega.

Può capitare che il composto con la mucillagine si indurisca: non preoccuparti, basta diluirlo un po’ con acqua tiepida e mescolarlo con una forchetta. Risulta essere importante distribuirla in piccole quantità, per evitare di avere la capigliatura a strisce. Una volta finito, i tuoi capelli saranno lucidi e oltre a stare in piega saranno anche più luminosi.

Se ti capiterà di avere una forma di irritazione cutanea, puoi curarla versando 30 gr di semi di lino in 150 gr di acqua tiepida. Rimesta a lungo, poi lascia riposare questo infuso almeno per sei ore Filtra il tutto con un panno, strizzandolo spesso per fare in modo che esca tutta la mucillagine. Questa preparazione la devi applicare sulla parte durante tutto l’arco della giornata.

Come Accelerare il Metabolismo

Come fare ad accelerare il metabolismo? Molto spesso, a causa del nostro stile di vita poco sano, il nostro metabolismo tende a rallentare. Le cause del nostro metabolismo lento possono essere molteplici: cattiva alimentazione, poco riposo, molto stress, attività fisica quasi assente. Vediamo insieme, punto per punto, quali sono le giuste regole da seguire per far “sgambettare” il nostro metabolismo in modo naturale e tornare in forma!

Alimentazione
Il tuo regime alimentare, se hai intenzione di accelerare il metabolismo, è fondamentale. Innanzitutto non devi assolutamente pensare a una dieta lampo: non faresti altro che rallentarlo ancora di più e, una volta ultimata la dieta, il tuo peso tornerà a quello di partenza, o anche di più! Se vuoi ottenere dei risultati, devi mangiare regolarmente almeno 4 volte al giorno, così che il tuo metabolismo non sia mai a riposo! Elimina dalla tua dieta quotidiana il maggior numero possibile di zuccheri grassi e bevande gassate e rimpiazzali con frutta, verdura, the e infusi. Cerca di bere almeno due litri di acqua al giorno: suddividili in tot bicchieri se la cosa ti rende la vita più facile!

Ci sono degli alimenti particolari che aiutano a velocizzare il metabolismo, grazie alle loro proprietà. Il caffè, ad esempio, se preso (amaro) dopo i pasti, aiuta a velocizzare il metabolismo ed a bruciare in fretta le calorie. Altri alimenti che aiutano a velocizzare il nostro metabolismo sono le alghe, le carote, le spezie e l’aceto di mele. Assumere cibi piccanti, in particolare, provoca maggiore sudorazione e aiuta, in quantità corrette, il metabolismo… sarà anche per le proprietà afrodisiache!

Accelerare il metabolismo con lo sport
L’attività fisica, come l’alimentazione, è fondamentale per il raggiungimento del nostro obiettivo. Se vogliamo che il nostro metabolismo acceleri, infatti, dobbiamo fare in modo che la nostra massa magra prenda il sopravento su quella grassa. Per raggiungere questo risultato, gli sport che prevedono l’attività aerobica sono i più utili. In particolare la corsa, il nuoto, la cyclette, l’ellittica ed il tapis roulant sono tutte attività che attivano la liposi e, quindi, fanno bruciare calorie, accelerano il metabolismo e sviluppano la nostra massa magra. Individuare lo sport adatto, però non basta. E’ molto importante praticare l’attività fisica scelta con costanza: almeno 3 volte a settimana e non meno di 40 minuti.

Se hai smesso di fumare
Molto spesso, chi smette di fumare rallenta il proprio metabolismo e tende ad ingrassare. Questo perché la nicotina stimola gli ormoni dello stress che, di conseguenza, accelerano il metabolismo. In più, il catrame contenuto nelle sigarette, riduce l’assorbimento dei grassi che si trovano nei cibi. Ora, non penserai di aver fatto un errore nello smettere di fumare, vero? Non devi avere alcun ripensamento: cerca solo di alimentarti con meno grassi, aumentare il tempo che dedichi allo spot ed il gioco è fatto!

Accelerare il metabolismo in gravidanza
Durante la gravidanza il metabolismo tende a rallentare. La cosa migliore da fare, in questo lasso di tempo, è quella di non assecondare troppo le “voglie” alimentari per quanto riguarda i cibi grassi e zuccherini. Non dimenticatevi che l’attività fisica, durante la dolce attesa, è ancora più importante. Nessuno di sta chiedendo di gareggiare alle Olimpiadi, certo, ma una sana passeggiata al giorno di almeno 40 minuti sarà più che sufficiente a non mandare in letargo il vostro metabolismo

Come Realizzare un Quadro con le Monete

Il quadretto è molto semplice ma originale ed è realizzato con le monete in lire italiane da 500, 200,100, 50, 20, 10, 5 e 2 lire. Le monete sistemate nel quadro formano due fiori con lo stelo e le foglie. La cornice è di legno laccato colore verde, con vetro.

Occorrente
Cornice con il vetro, supporto e gancio per attaccarlo al muro
Monete in lire italiane
Colla vinavil
Attak
Stoffa lucida colore giallo
Cartoncino

Prendi la cornice girala in dietro e appoggiala su un piano di lavoro. Dopo con un utensile qualsiasi, abbastanza resistente, alza le piccole lamelle che tengono fermo il supporto di legno. Estrai il supporto, appoggialo sul tavolo e nella parte esterna stendi tutto intorno ai bordi un filo di colla vinavil.

Per foderare l’interno del quadretto, taglia la stoffa lucida gialla delle stesse misure del supporto lasciando circa 3 cm di margine per risvoltarla ed incollarla sul retro del supporto. Quindi, adagia delicatamente la stoffa lucida sul supporto, stendila bene con le mani, gira i margini dietro ai quattro bordi già con la colla stesa, sistema gli angoli e lascia asciugare.

Gira il supporto dalla parte anteriore e inizia a comporre il disegno che vuoi realizzare con le monte. Per realizzare i fiori del quadro segui questo ordine. Per formare il primo fiore metti al centro una moneta di 500 lire per il ricettacolo e 5 monete di 100 lire tutti intorno alla moneta per formare i petali.

Per formare il secondo fiore metti al centro un’alta moneta di 500 lire per il ricettacolo e 5 monete di 50 lire tutti intorno alla moneta per formare i petali. Per formare lo stelo metti in fila 6 monete da 10 lire, nella base dello stelo metti una monetina da 5 lire e una monetina da 2 lire. Per formare le foglie, metti sulla desta dello stelo 3 monete da 200 lire e sulla sinistra dello stello una moneta da 20 lire.

Dopo prendi ad una ad una le monete, versa nel retro una gocciolina di colla e incollale al tessuto lucido con molta precisione, cercando di tenere giuste le sagome del disegno. Lascia asciugare, poi con molta cura e incornicia le monete attaccate, chiudi le lamelline che si trovano dietro la cornice per fissare tutto. Infine, incolla un pò di cartoncino dietro il quadro per rifinirlo.

Come Costruire un Puff Fai da Te

Hai presente quei fantastici puff, soffici e così simpatici, ideali per un soggiorno o una cameretta, sembra che sia difficile sedersi, invece ti assicuro che sono comodissimi. Oggi ti spiego come farlo da te, così potrai scegliere anche il colore che più preferisci.

Occorrente
Fodera (per l’interno)
Stoffa di cotone
Cerniera
Filo
Polisterolo espanso

Devi prima fare il sacco interno, prendi la fodera e ritaglia un cerchio di circa 1 metro di diametro e 3 spicchi di 1,5-2 metri di altezza avendo cura di lasciare le basi (di circa mezzo metro di lunghezza) leggermente arrotondate per accompagnare la circonferenza del cerchio, che sarà la base del tuo puff.

Ora devi cucire le basi dei tre spicchi al cerchio e i lati degli spicchi tra di loro, lasciando aperta la punta.
A questo punto gira la stoffa al rovescio e riempi il cono con il polisterolo espanso, dalla punta che hai lasciato aperta. Puoi chiudere il foro, cucilo per bene, altrimenti il polisterolo scappa da tutte le parti.

Adesso puoi realizzare il sacco esterno, che farai esattamente allo stesso modo ma chiudendo uno dei lati lunghi con una cerniera. La punta può essere chiusa subito perché utilizzerai il lato con la cerniera per girare la stoffa e per mettere il sacco con il polisterolo. Per il sacco esterno ti consiglio di fare misure un pò più grandi, per inserire comodamente il puff interno.